La Bottega di Stigliano
dimensione testo

attori

La bottega di Stigliano rappresenta un luogo ed uno spazio permanente di interazione tra diversi attori, pubblici e privati, per l'espressione concreta di nuove prospettive di sviluppo e nuovi stili di vita in cui tutti noi siamo attori del cambiamento.

I soggetti attivi nel progetto e nel suo costante processo di crescita sono:

  • il Settore Sviluppo Rurale della Provincia di Siena e l'Unione dei Comuni della Val di Merse, come partner istituzionali e finanziari per i primi tre anni di start up;
  • l'Associazione Erbandando, che insieme ad un nutrito gruppo di esperti e operatori locali promuove gli aspetti culturali e l'organizzazione di eventi;
  • l’Associazione Produttori della Val di Merse, che gestisce la vendita dei prodotti agricoli all'interno della struttura.

Dopo due anni di sperimentazione di varie forme di gestione dell'area cucina, si sono uniti al progetto gli chef Nicola Vizzarri e Stefano Pierini di Cuocoadomicilio.
Insieme ai produttori agricoli ed Erbandando stanno lavorando per rafforzare il potenziale di sviluppo della bottega e costruire un nuovo percorso di autonomia del progetto.

L'Associazione Produttori della Val di Merse è un'associazione di promozione sociale senza fini di lucro che riunisce tutti i produttori della bottega.

Siamo un gruppo di piccoli produttori che, a partire dalle relazioni di fiducia nate sulla piazza del Mercatale di Sovicille - primo mercato di filiera corta della provincia di Siena - hanno deciso di consolidare la rete delle aziende agricole locali per sperimentare nuove forme di commercializzazione collettiva e punti organizzati per la vendita diretta. Intendiamo promuovere, tutelare e valorizzare sotto ogni punto di vista le produzioni agricole, artigianali e le tradizioni locali del territorio della Val di Merse.

Pratichiamo un'agricoltura di piccola scala fondata su una scelta di vita legata a valori di benessere, ecologia, giustizia e solidarietà.
Ci impegniamo a salvaguardare varietà antiche e razze autoctone e a preservare tradizioni, saperi, ambiente e paesaggio di elevato valore anche per altri settori della nostra economia locale.

Il 22 dicembre 2010 le 15 aziende che partecipavano al Mercatale di Sovicille hanno così dato vita all'Associazione Produttori della Val di Merse. Grazie al progetto europeo Rururbal abbiamo avuto la possibilità di collaborare con la Provincia di Siena per avviare la bottega di Stigliano, che ha rappresentato per noi una nuova opportunità di innovazione commerciale.
Ad oggi siamo quasi 30 aziende provenienti da varie aree della provincia di Siena e stiamo cercando di intessere relazioni con altri produttori che a livello regionale e nazionale condividono i nostri stessi obiettivi e valori.

Siamo inoltre a interessati a collaborare con altre realtà del territorio e a organizzare incontri con GAS e gruppi di consumatori per discutere meccanismi di costruzione del prezzo, processi di garanzia partecipata e sviluppare nuovi progetti per la sostenibilità e la crescita della filiera corta locale.

La cittadinanza attiva è la capacità di mobilitare risorse umane per promuovere comportamenti ispirati ai principi di un'economia, di uno sviluppo e di una società sostenibile.

Attraverso la prospettiva della cittadinanza attiva si propongono processi di cambiamen­to e responsabilità volti alla cura e allo sviluppo dei beni comuni.

L'educazione alla cittadinanza attiva conduce ad assumere la consapevolezza personale di far parte del sistema e a modificare i propri atteggiamenti verso una dimensione collettiva in cui le scelte individuali sono parte integrante del disegno di un futuro sostenibile.

Per questo la bottega di Stigliano promuove la partecipazione e l'impegno ad informarsi, a partecipare, a scendere in campo e a contribuire alla ricostruzione e alla salvaguardia del tessuto sociale e civile attraverso la consapevolezza dell'importanza delle nostre scelte alimentari e della qualità del cibo che ci nutre.

Tutti noi siamo attori del cambiamento: mangiamo corto per guardare lontano!

Cuocoadomicilio è una realtà imprenditoriale nata dalle esperienze professionali e dall’incontro creativo tra due cuochi e amici. Siamo Stefano Pierini e Nicola Vizzarri e dopo anni di esperienza nel settore culinario sia in Italia che all’estero, abbiamo deciso di unire le nostre competenze e la nostra passione per l'organizzazione di eventi grandi e piccoli legati all'enogastronomia e soprattutto alle tradizioni del territorio di Siena. Siamo iscritti alla Federazione Italiana Cuochi e all’Associazione Cuochi Senesi con le quali abbiamo collaborato per la promozione della cucina italiana partecipando a prestigiose manifestazioni sia in Italia che all’estero. Negli anni abbiamo offerto la nostra professionalità a soggetti privati e pubblici nell’ambito di progetti di formazione di chef internazionali e per la valorizzazione dei piatti della tradizione Toscana e dei prodotti tipici Senesi.
Il nostro legame con il territorio ci ha naturalmente condotti ad incontrare il progetto della bottega di Stigliano e a condividerne da subito valori e filosofia. La nostra collaborazione con la bottega è iniziata nell’autunno del 2012 quando insieme all’Associazione Cuochi Senesi abbiamo organizzato la rassegna enogastronomica “Il mese del Cuoco” animando la cucina della bottega di Stigliano per favorire l’utilizzo di prodotti agricoli locali nella ristorazione.

Grazie alla nostra specificità nell’organizzazione di eventi e catering, la collaborazione con la bottega è diventata nel tempo sempre più proficua e intensa facendo maturare in noi il convincimento di poter progettare un percorso comune di crescita del progetto.
Da ottobre 2013 ci siamo quindi avventurati in nuova appassionante sfida e abbiamo deciso di spenderci in prima persona nella gestione della cucina della bottega per mangiare corto e guardare lontano sperimentando nuove opportunità nella filiera corta insieme agli attori della bottega.

Oltre al servizio di cucina di filiera corta della bottega di Stigliano organizziamo corsi di cucina, degustazioni con i produttori locali e servizi di catering per strutture pubbliche e private, agenzie turistiche, aziende agricole e per chiunque ne faccia richiesta.

Scopri di più su di noi e sulla nostra attività cliccando qui

Contatti:
Stefano +39 349 1587065 - Nicola +39 340 5827873
staff@cuocoadomicilio.infohttp://www.cuocoadomicilio.info/italiano/home.html

Le piante selvatiche
"Le piante selvatiche commestibili sono i nostri vicini
perché crescono dappertutto
crescono dappertutto perché sono forti,
sono forti perché chi vive selvaticamente
deve essere più intelligente di quello che si fa alimentare
loro sentono, gustano, avvertono cambiamenti minimi nell'ambiente,
li elaborano e ne imparano.
Le piante spontanee sono intelligenti
perché si scambiano energie tra le piante vicine.
Guardando con più accuratezza
Anche i loro vicini (noi) potrebbero imparare qualcosa"

L'Associazione Erbandando è un'associazione di promozione sociale della Val di Merse, territorio di rilevante valore naturalistico e ambientale in provincia di Siena.

Siamo un gruppo di donne che si sono associate per contribuire ad uno sviluppo del proprio territorio che sia armonico con le proprie scelte di vita e i propri valori.
La nostra associazione promuove il consumo critico a partire dalla riscoperta e dall'utilizzo delle erbe selvatiche. In particolare ci interessa coniugare i saperi di ieri con il mondo di oggi, dando valore sociale ed economico a relazioni, linguaggi e competenze femminili secondo i principi dell'ecosostenibilità, dell'equità e della salvaguardia della biodiversità umana e culturale.

La nostra avventura ha avuto inizio nel 2003 quando ci siamo incontrate e confrontate durante il corso "La tradizione culinaria nell'accoglienza turistica" organizzato dal Centro Pari Opportunità per il riconoscimento delle erbe spontanee e il loro uso in cucina. Da qui abbiamo dato vita alla nostra attività di laboratori per la panificazione e la cucina naturale. Insieme ai produttori agricoli, all'amministrazione comunale, alle associazioni e alla cittadinanza attiva del Comune di Sovicille abbiamo contribuito alla realizzazione del primo Mercatale di filiera corta.

Il nostro approccio alla cultura del fare e le competenze acquisite nella costruzione del Mercatale di Sovicille sono stati riconosciuti dalla Provincia di Siena, con la quale abbiamo attivato un percorso di animazione rurale nella Val di Chiana Senese. Dalle nostre relazioni e dall'esperienza di scambio con le donne e le imprenditrici del Gallex Orientale (Spagna), abbiamo avuto la possibilità di entrare al far parte del progetto europeo Rururbal, nel quale abbiamo poi coinvolto il Settore Sviluppo Rurale delle Provincia di Siena. Il percorso del progetto Rururbal ha dato vita all'azione pilota della bottega di Stigliano, nella quale operiamo come punto di riferimento per le attività culturali e per la costruzione di una rete di scambi di competenze e saperi. 

• Contatti: erbandando@gmail.com

• Le nostre attività
Grazie alle competenze delle nostre associate e della rete di conoscenze che abbiamo intessuto negli anni organizziamo:

  1. Passeggiate per il riconoscimento delle erbe spontanee
  2. Laboratori di cucina e autoproduzione
  3. Laboratori per bambini sulla filiera corta
  4. Progetti di integrazione interculturale basati sul cibo
  5. Seminari per la conoscenza della biodiversità e del territorio
  6. Incontri di approfondimento sull'alimentazione, la prevenzione e il benessere
  7. Momenti di scambio e socializzazione per le buone pratiche quotidiane


• Metodologia
Queste iniziative hanno in comune una metodologia che è fondata:

  1. Sulla cultura del fare
  2. Sullo scambio generoso di competenze e quindi su una solidarietà attiva che riconosce le differenze e di conseguenza il valore di tutti i contributi, anche quelli socialmente poco valorizzati
  3. Sulla trasmissione attiva di conoscenze attraverso il recupero dei saperi e della memoria delle persone che partecipano alle nostre iniziative
  4. Sulla valorizzazione della differenza e delle specificità femminili, per dare valore e rendere visibile il contributo delle donne nello sviluppo locale
  5. Sulla implementazione di relazioni tra soggetti differenti per fare comunità locale